24.4 C
Napoli
mercoledì, Maggio 29, 2024

DALL’UCRAINA A NAPOLI: Madre e figlia arrivano a Napoli grazie a Europa Verde.

Dall'Ucraina Napoli, madre e figlia arrivano a Napoli grazie a Europa verde. Un gesto di umanità di Francesca Imbaldi e Luigi Eucalipto,

Dall’Ucraina a Napoli, madre e figlia arrivano a Napoli grazie a Europa Verde. Un gesto di umanità che Francesca Imbaldi e Luigi Eucalipto, dirigenti provinciali di Europa Verde, hanno voluto regalare in segno di solidarietà.

Un mese di vita in fuga da Karkiv dopo sei giorni di frontiere e soste sono riuscite a raggiungere Napoli. Maria Francesca Imbaldi con il consigliere comunale di Casoria Marco Colurcio hanno accolto madri e figli a Casoria, in case messe a disposizione e provveduto a sostenerle con tutto ciò di cui ha bisogno.

“Quando il mio amico Roberto Russo (molto impegnato con la sua associazione ad organizzare gli aiuti agli ucraini) – dichiara Francesca Imbaldi – mi ha chiesto se me la sentivo di aiutare una mamma ed una figlia intrappolate nell’inferno di Karkiv non ho esitato un attimo

Con Luigi Eucalipto abbiamo provveduto ad organizzare il viaggio, con Luigi stiamo provvedendo a dotare gli alloggi di tutti i comfort necessari. Prezioso l’aiuto di Natasha, una mia amica ucraina che parlando italiano le fa sentire più a loro agio”.

Un gesto nobile da apprezzare, soprattutto emulare, in questo periodo così buio l’umanità è ancora in valore da difendere.

di redazione

Dall’Ucraina a Napoli, madre e figlia arrivano a Napoli grazie a Europa Verde. Un gesto di umanità che Francesca Imbaldi e Luigi Eucalipto, dirigenti provinciali di Europa Verde, hanno voluto regalare in segno di solidarietà.

Un mese di vita in fuga da Karkiv dopo sei giorni di frontiere e soste sono riuscite a raggiungere Napoli. Maria Francesca Imbaldi con il consigliere comunale di Casoria Marco Colurcio hanno accolto madri e figli a Casoria, in case messe a disposizione e provveduto a sostenerle con tutto ciò di cui ha bisogno.

“Quando il mio amico Roberto Russo (molto impegnato con la sua associazione ad organizzare gli aiuti agli ucraini) – dichiara Francesca Imbaldi – mi ha chiesto se me la sentivo di aiutare una mamma ed una figlia intrappolate nell’inferno di Karkiv non ho esitato un attimo

Con Luigi Eucalipto abbiamo provveduto ad organizzare il viaggio, con Luigi stiamo provvedendo a dotare gli alloggi di tutti i comfort necessari. Prezioso l’aiuto di Natasha, una mia amica ucraina che parlando italiano le fa sentire più a loro agio”.

Un gesto nobile da apprezzare, soprattutto emulare, in questo periodo così buio l’umanità è ancora in valore da difendere.

di redazione

© Riproduzione riservata

LEGGI ANCHE

- Advertisement -spot_img