23 C
Napoli
mercoledì, Maggio 22, 2024

ELEZIONI PRESIDENZIALI: Francia 2022.

Elezioni presidenziali Francia, in attesa dei risultati di domenica 10 aprile, vediamo cosa dicono i sondaggi in merito per la corsa all’Eliseo.

L’Eliseo, residenza del presidente della Repubblica francese.

Elezioni presidenziali Francia, in attesa dei risultati di domenica 10 aprile, vediamo chi è avanti per la corsa all’Eliseo.

Tutto pronto quindi e si dovrà aspettare i primi risultati ufficiali alle ore 20:00, alla chiusura dei seggi. Il ballottaggio, se nessun candidato supera la soglia della maggioranza assoluta, si terrà dopo due settimane, il 24 aprile. Il sistema di voto in Francia per l’elezione del Presidente della Repubblica infatti è molto simile alla legge elettorale in vigore da noi per le elezioni amministrative.

C’è da dire che in Francia finora mai nessuno è riuscito a superare il 50% al primo turno, con un ballottaggio che così appare inevitabile. Del resto con così tanti candidati in corsa, in totale sono in dodici a correre per l’Eliseo, è inevitabile una frammentazione dell’elettorato: il grande favorito resta comunque sempre Emmanuel Macron, il Presidente in carica.

Stando ai sondaggi elaborati in vista delle elezioni in Francia, la principale sfidante del Presidente dovrebbe essere ancora una volta Marine Le Pen. Da non sottovalutare la sinistra di Jean-Luc Mélenchon indicata come in ripresa. Sarà invece l’autentica mina vagante di queste elezioni Éric Zemmour, il giornalista da molti indicato come un candidato di estrema destra.

di Luigi Eucalipto

L’Eliseo, residenza del presidente della Repubblica francese.

Elezioni presidenziali Francia, in attesa dei risultati di domenica 10 aprile, vediamo chi è avanti per la corsa all’Eliseo.

Tutto pronto quindi e si dovrà aspettare i primi risultati ufficiali alle ore 20:00, alla chiusura dei seggi. Il ballottaggio, se nessun candidato supera la soglia della maggioranza assoluta, si terrà dopo due settimane, il 24 aprile. Il sistema di voto in Francia per l’elezione del Presidente della Repubblica infatti è molto simile alla legge elettorale in vigore da noi per le elezioni amministrative.

C’è da dire che in Francia finora mai nessuno è riuscito a superare il 50% al primo turno, con un ballottaggio che così appare inevitabile. Del resto con così tanti candidati in corsa, in totale sono in dodici a correre per l’Eliseo, è inevitabile una frammentazione dell’elettorato: il grande favorito resta comunque sempre Emmanuel Macron, il Presidente in carica.

Stando ai sondaggi elaborati in vista delle elezioni in Francia, la principale sfidante del Presidente dovrebbe essere ancora una volta Marine Le Pen. Da non sottovalutare la sinistra di Jean-Luc Mélenchon indicata come in ripresa. Sarà invece l’autentica mina vagante di queste elezioni Éric Zemmour, il giornalista da molti indicato come un candidato di estrema destra.

di Luigi Eucalipto

© Riproduzione riservata

LEGGI ANCHE

- Advertisement -spot_img