28 C
Napoli
venerdì, Giugno 21, 2024

LA SCUOLA “EX CASA DEL FANCIULLO” – Vigliacchi rubano computer dei bambini.

"Ex casa del Fanciullo", l'istituto comprensivo di Cardito, ha subito un furto. Dei ladri si sono introdotti nella scuola ed hanno portato via dei computer.

“Ex casa del Fanciullo“, l’istituto comprensivo di Cardito, ha subito un furto. Dei ladri si sono introdotti nella scuola ed hanno portato via dei computer. L’ennesima azione vigliacca di chi ormai non si ferma nemmeno di fronte ai sogni ed esigenze di bambini.

Magari scopriremo che questi vigliacchi, con i soldi ricavati dalla ricettazione di questi strumenti, si siano divertiti per una serata o magari comprato dei capi di abbigliamento, o peggio ancora qualche dose di cocaina, vanificando i sacrifici che un’intera struttura affronta per il sorriso dei propri alunni.

Ormai siamo alla deriva ed è sempre più evidente che sia necessaria un’azione sinergica tra la polizia locale, che debba necessariamente avere maggior potere, con Polizia di Stato e Carabinieri, aiutati da sistemi di video-sorveglianza distribuiti sul territorio.

Non è possibile ancora ad oggi permettere a questi ladri di riuscire a sottrarre apparecchiature con la stessa facilità di come lo facevano i ladri di galline nei secoli scorsi.

Ecco il post del sindaco di Cardito, Giuseppe Cirillo : “GESTO VERGOGNOSO, SIETE DEI VIGLIACCHI”.

Stamattina, purtroppo, devo darvi una brutta notizia. Dei ladri si sono introdotti nella scuola “Ex casa del Fanciullo” ed hanno portato via dei computer. Un gesto deplorevole, di estrema vigliaccheria. Quei computer servivano ai nostri alunni per la loro formazione, ad essere colpiti non sono solo loro, ma tutta la comunità.

Individueremo i responsabili perché la nostra città non merita tutto questo. Subito sono partite le indagini da parte del comando dei vigili e dagli agenti della Polizia di Stato e, utilizzando le immagini della videosorveglianza, si spera di individuare gli autori del gesto.

Esprimo la mia vicinanza al dirigente scolastico, agli insegnanti e a tutti gli alunni della scuola. Questa battaglia la vinceremo noi, questi delinquenti non ci fermeranno.

di Luigi Eucalipto

“Ex casa del Fanciullo“, l’istituto comprensivo di Cardito, ha subito un furto. Dei ladri si sono introdotti nella scuola ed hanno portato via dei computer. L’ennesima azione vigliacca di chi ormai non si ferma nemmeno di fronte ai sogni ed esigenze di bambini.

Magari scopriremo che questi vigliacchi, con i soldi ricavati dalla ricettazione di questi strumenti, si siano divertiti per una serata o magari comprato dei capi di abbigliamento, o peggio ancora qualche dose di cocaina, vanificando i sacrifici che un’intera struttura affronta per il sorriso dei propri alunni.

Ormai siamo alla deriva ed è sempre più evidente che sia necessaria un’azione sinergica tra la polizia locale, che debba necessariamente avere maggior potere, con Polizia di Stato e Carabinieri, aiutati da sistemi di video-sorveglianza distribuiti sul territorio.

Non è possibile ancora ad oggi permettere a questi ladri di riuscire a sottrarre apparecchiature con la stessa facilità di come lo facevano i ladri di galline nei secoli scorsi.

Ecco il post del sindaco di Cardito, Giuseppe Cirillo : “GESTO VERGOGNOSO, SIETE DEI VIGLIACCHI”.

Stamattina, purtroppo, devo darvi una brutta notizia. Dei ladri si sono introdotti nella scuola “Ex casa del Fanciullo” ed hanno portato via dei computer. Un gesto deplorevole, di estrema vigliaccheria. Quei computer servivano ai nostri alunni per la loro formazione, ad essere colpiti non sono solo loro, ma tutta la comunità.

Individueremo i responsabili perché la nostra città non merita tutto questo. Subito sono partite le indagini da parte del comando dei vigili e dagli agenti della Polizia di Stato e, utilizzando le immagini della videosorveglianza, si spera di individuare gli autori del gesto.

Esprimo la mia vicinanza al dirigente scolastico, agli insegnanti e a tutti gli alunni della scuola. Questa battaglia la vinceremo noi, questi delinquenti non ci fermeranno.

di Luigi Eucalipto

© Riproduzione riservata

LEGGI ANCHE

- Advertisement -spot_img