30.8 C
Napoli
giovedì, Giugno 20, 2024

LIZA JOHANNESSON – Essere madre con un trapianto di utero.

Liza Johannesson è il medico che, per la prima volta nella storia, sta permettendo a donne prive di utero di diventare madri grazie al trapianto dell’organo

Liza Johannesson è il medico che, per la prima volta nella storia, sta permettendo a donne prive di utero di diventare madri grazie al trapianto dell’organo. Liza si laurea all’Istituto Karolinska, in Svezia, comincia la sua carriera dedicandosi all’oncologia ginecologica. Il suo obiettivo è aiutare le donne ad affrontare il cancro. In questo periodo inizia ad incontrare giovani donne nate senza utero o a cui è stato rimosso a causa del cancro alla cervice uterina. Incontrandole capisce che ormai hanno perso la speranza di poter diventare madri.

Liza Johannesson è un chirurgo specializzata in ginecologia, con una particolare esperienza nel trapianto di utero. Ha ricevuto la sua formazione medica presso il Premio Nobel Karolinksa Institute di Stoccolma in Svezia. Ha continuato a completare la formazione in ostetricia e ginecologia presso la Sahlgrenska University e il Royal Adelaide Hospital di Adelaide, in Australia. Nel 2019 decide quindi di fare qualcosa, inizia così a svolgere ricerche sul trapianto dell’utero, presentando una tesi sul tema nel 2012.

Solo due anni dopo Liza aiuta a far nascere il primo bambino al mondo nato da un trapianto di utero. Nel 2016 diventa direttrice medico dell’“Uterus Transplantation” presso il Baylor University Medical Center di Dallas. Si tratta di uno dei più grandi programmi di trapianto di utero al mondo. Nei tre anni successivi, venti donne ricevono il trapianto di utero e sei bambini in salute nascono con successo. Oggi Liza Johannesson è conosciuta come il medico che sta aiutando le donne senza utero a diventare madri.

La dott.ssa svedese è autrice di numerosi articoli, si dedica all’insegnamento del trapianto di utero a partecipa a molte conferenze scientifiche internazionali. Soprattutto la dott.ssa Johannesson ha compiuto un miracolo, come spesso accade in medicina, realizzare il più grande sogno: rendere madre chi non può esserlo perché la natura o un male lo ha impedito. Credo il premio Nobel sia ampiamente meritato, se conferito alla dott.ssa Liza Johannesson, per aver realizzato un sogno per tante donne: “creare la vita” .

di Luigi Eucalipto

Liza Johannesson è il medico che, per la prima volta nella storia, sta permettendo a donne prive di utero di diventare madri grazie al trapianto dell’organo. Liza si laurea all’Istituto Karolinska, in Svezia, comincia la sua carriera dedicandosi all’oncologia ginecologica. Il suo obiettivo è aiutare le donne ad affrontare il cancro. In questo periodo inizia ad incontrare giovani donne nate senza utero o a cui è stato rimosso a causa del cancro alla cervice uterina. Incontrandole capisce che ormai hanno perso la speranza di poter diventare madri.

Liza Johannesson è un chirurgo specializzata in ginecologia, con una particolare esperienza nel trapianto di utero. Ha ricevuto la sua formazione medica presso il Premio Nobel Karolinksa Institute di Stoccolma in Svezia. Ha continuato a completare la formazione in ostetricia e ginecologia presso la Sahlgrenska University e il Royal Adelaide Hospital di Adelaide, in Australia. Nel 2019 decide quindi di fare qualcosa, inizia così a svolgere ricerche sul trapianto dell’utero, presentando una tesi sul tema nel 2012.

Solo due anni dopo Liza aiuta a far nascere il primo bambino al mondo nato da un trapianto di utero. Nel 2016 diventa direttrice medico dell’“Uterus Transplantation” presso il Baylor University Medical Center di Dallas. Si tratta di uno dei più grandi programmi di trapianto di utero al mondo. Nei tre anni successivi, venti donne ricevono il trapianto di utero e sei bambini in salute nascono con successo. Oggi Liza Johannesson è conosciuta come il medico che sta aiutando le donne senza utero a diventare madri.

La dott.ssa svedese è autrice di numerosi articoli, si dedica all’insegnamento del trapianto di utero a partecipa a molte conferenze scientifiche internazionali. Soprattutto la dott.ssa Johannesson ha compiuto un miracolo, come spesso accade in medicina, realizzare il più grande sogno: rendere madre chi non può esserlo perché la natura o un male lo ha impedito. Credo il premio Nobel sia ampiamente meritato, se conferito alla dott.ssa Liza Johannesson, per aver realizzato un sogno per tante donne: “creare la vita” .

di Luigi Eucalipto

© Riproduzione riservata

LEGGI ANCHE

- Advertisement -spot_img