13.6 C
Napoli
sabato, Marzo 2, 2024

SAN REMO 2024: “Siamo tutti Geolier”, al Festival della canzone italiana, il rapper napoletano: “Scass'”, ma non vince.

Sanremo 2024, Geolier e Angelina Mango si sono contesi la vittoria all’ultimo voto. L’ha spuntata la figlia del grande Mango, va bene così.

Potrei dare un senso retorico al fenomeno “Geolier”, in quest’ultimo Festival di san Remo, ma non lo farò. Confesso che non conoscevo affatto il giovane rapper di Secondigliano, mi ha incuriosito la sua vittoria nella serata delle cover, il fenomeno meritava un’approfondimento. Ho consultato internet e una serie di video del contante napoletano che francamente non mi aspettavo. 

Soprattutto il grande talento di Giolier messo in luce alle serate di San Remo 2024, in particolare l’esibizione finale. Ha cantato il brano “I pe te, tu pe me“, scendendo tra il pubblico, con grinta e personalità. Forse il garbo e la professionalità era stata confusa con una timidezza che non c’è, non può esserci. Giolier non è stato il solo a scendere dal palco, fortunatamente tutta Napoli si è stretta in sua difesa.

L’ira di Roberto Saviano per i fischi a Geolier, nelle sue parole: “Il suo successo un complotto dei napoletani? Ma truvateve na fatica”, ha tuonato lo scrittore napoletano. Biagio de Giovanni, anche lui a difesa del rapper napoletano: “Se dovessero essere i fischi di un paese ancora diviso in due, come in tanti sostengono, sarebbero un’umiliazione nazionale”.

Emanuele in arte Geolier, da Napoli Secondigliano, ieri ha donato una lezione di stile e carattere, abbracciato la vincitrice e dimostrato di essere un ragazzo serio. Ha vinto Geolier al televoto, al 60% di coloro che con un SMS, hanno espresso una preferenza. Alla fine ha creduto il passo alla bravissima Angelina Mango che ha vinto si, ma solo con il voto della Sala stampa e di Radio, Web etc. 

Certo, rispettando il voto del pubblico Geolier doveva vincere ma probabilmente, la sua vittoria, avrebbe fatto storcere il naso ai soliti noti che non tollera “sorprese“, in particolare quando arrivano arrivano dalla città della musica, dalla nostra Napoli.

Si goda questo momento Emanuele, in arte Geolier, perché non sarà l’unico da ricordare, il successo è arrivato e si ritroverà ad affrontare nuove sfide. Oggi il giovane artista entra nell’olimpo dei grandi cantanti napoletani, tutti ne siamo felici e orgogliosi e possiamo dire, rispedendo al mittente la cattiveria di chi non accetta, da oggi: “Siamo tutti Geolier”.

gianni bianco

Sanremo 2024, Geolier e Angelina Mango si sono contesi la vittoria all’ultimo voto. L’ha spuntata la figlia del grande Mango, va bene così.

Potrei dare un senso retorico al fenomeno “Geolier”, in quest’ultimo Festival di san Remo, ma non lo farò. Confesso che non conoscevo affatto il giovane rapper di Secondigliano, mi ha incuriosito la sua vittoria nella serata delle cover, il fenomeno meritava un’approfondimento. Ho consultato internet e una serie di video del contante napoletano che francamente non mi aspettavo. 

Soprattutto il grande talento di Giolier messo in luce alle serate di San Remo 2024, in particolare l’esibizione finale. Ha cantato il brano “I pe te, tu pe me“, scendendo tra il pubblico, con grinta e personalità. Forse il garbo e la professionalità era stata confusa con una timidezza che non c’è, non può esserci. Giolier non è stato il solo a scendere dal palco, fortunatamente tutta Napoli si è stretta in sua difesa.

L’ira di Roberto Saviano per i fischi a Geolier, nelle sue parole: “Il suo successo un complotto dei napoletani? Ma truvateve na fatica”, ha tuonato lo scrittore napoletano. Biagio de Giovanni, anche lui a difesa del rapper napoletano: “Se dovessero essere i fischi di un paese ancora diviso in due, come in tanti sostengono, sarebbero un’umiliazione nazionale”.

Emanuele in arte Geolier, da Napoli Secondigliano, ieri ha donato una lezione di stile e carattere, abbracciato la vincitrice e dimostrato di essere un ragazzo serio. Ha vinto Geolier al televoto, al 60% di coloro che con un SMS, hanno espresso una preferenza. Alla fine ha creduto il passo alla bravissima Angelina Mango che ha vinto si, ma solo con il voto della Sala stampa e di Radio, Web etc. 

Certo, rispettando il voto del pubblico Geolier doveva vincere ma probabilmente, la sua vittoria, avrebbe fatto storcere il naso ai soliti noti che non tollera “sorprese“, in particolare quando arrivano arrivano dalla città della musica, dalla nostra Napoli.

Si goda questo momento Emanuele, in arte Geolier, perché non sarà l’unico da ricordare, il successo è arrivato e si ritroverà ad affrontare nuove sfide. Oggi il giovane artista entra nell’olimpo dei grandi cantanti napoletani, tutti ne siamo felici e orgogliosi e possiamo dire, rispedendo al mittente la cattiveria di chi non accetta, da oggi: “Siamo tutti Geolier”.

gianni bianco

© Riproduzione riservata

LEGGI ANCHE

- Advertisement -spot_img