8.9 C
Napoli
lunedì, Dicembre 4, 2023

SORTEGGIO UEFA​ -Gruppo tosto ma non impossibile.

Sarebbe stata un beffa, peggio di Napoli – Verona, il calendario Uefa del Napoli, senza avversari di lignaggio.

Sorteggio Uefa – ​Gruppo C: Napoli, Leicester, Spartak Mosca, Legia Varsavia . Sarebbe stata un beffa, peggio di Napoli – Verona, il calendario Uefa del Napoli, senza avversari di lignaggio. Anche questa volta il fato poco amico dei partenopei quando si tratta di sorteggi.

L’estrazione ha sentenziato un girone abbastanza “tosto”, certo non proibitivo, di sicuro c’è aria di Champions. Dovremo giocarcela con Jimmy Vardy e Kasper Schmeichel, gli ultimi eroi rimasti del​ Leicester di Claudio Ranieri,​ campione della Premier League 2015-2016.

La prima volta nella loro storia, in quella che fu la 117ª edizione della massima serie del campionato inglese concluso con la vittoria del Leicester City. Sarà una sfida elettrizzante, che ci riporterà ai fasti delle passate sfide azzurre.

Scorrerà adrenalina come accaduto con: Real Madrid, Liverpool, Bayern Monaco, Paris SG, Chalsea, Manchester City e Barcellona. Sono queste le sfide che amano affrontare gli affezionati azzurri, per rinsavire i sopiti spiriti della torcida partenopea.

Un torneo, quello dell’Europa League, snellito e con qualche ritocco interessante. Il più importante, il primo, il Club qualificato salta la gara dei 16’, per approdare direttamente agli 8’. Saranno un buon banco di prova anche gli altri due avversari che Spalletti e i suoi dovranno affrontare.

I primi, i russi​ dello Spartak Mosca, trasferta al solito insidiosa quella della capitale russa. Il ricordo della triste storia di Pasquale D’Angelo, capo ultrà della Curva B napoletana che morì proprio a Mosca il​ 22 Marzo del 2015. Storie che si intrecciano, sarà un ritorno al passato anche per Luciano Spalletti, che proprio a Mosca vinse il titolo del campionato.

Con i polacchi del Legia Varsavia, gemellati con i non colorati piemontesi, c’è stato un precedente, dove purtroppo siamo costretti a ricordarci. Non solo lo splendido gol ​ del rinnegato Higuian, che stese definitivamente ogni velleità di rivalsa polacca.

Quella di Higuain fu una rete fantastica, ci furono purtroppo anche risse e tafferugli causate dalla tifoseria del Varsavia. Azioni che ancora oggi a distanza di più di 6 anni si stenta a comprenderne i motivi. Il Napoli ha tra il suo palmares la vittoria di una Coppa UEFA, ottenuta nell’era Maradona, vinta nel lontano 1988-1989.

La 18ª edizione, dell’omonima competizione organizzato dall’UEFA, terminò con la vittoria azzurra il 17 maggio 1989 a Stoccarda. Il Napoli quindi ritorna a giocarsi il trofeo nell’anno in cui lo stadio azzurro è stato intitolato proprio all’immortale D10s. Sarà un caso l’ennesimo sorteggio UEFA da brividi, sarà scaramanzia tutta partenopea, ma perché non crederci?


Di Fiore Marro


Inviato da Libero Mail per Android

Sorteggio Uefa – ​Gruppo C: Napoli, Leicester, Spartak Mosca, Legia Varsavia . Sarebbe stata un beffa, peggio di Napoli – Verona, il calendario Uefa del Napoli, senza avversari di lignaggio. Anche questa volta il fato poco amico dei partenopei quando si tratta di sorteggi.

L’estrazione ha sentenziato un girone abbastanza “tosto”, certo non proibitivo, di sicuro c’è aria di Champions. Dovremo giocarcela con Jimmy Vardy e Kasper Schmeichel, gli ultimi eroi rimasti del​ Leicester di Claudio Ranieri,​ campione della Premier League 2015-2016.

La prima volta nella loro storia, in quella che fu la 117ª edizione della massima serie del campionato inglese concluso con la vittoria del Leicester City. Sarà una sfida elettrizzante, che ci riporterà ai fasti delle passate sfide azzurre.

Scorrerà adrenalina come accaduto con: Real Madrid, Liverpool, Bayern Monaco, Paris SG, Chalsea, Manchester City e Barcellona. Sono queste le sfide che amano affrontare gli affezionati azzurri, per rinsavire i sopiti spiriti della torcida partenopea.

Un torneo, quello dell’Europa League, snellito e con qualche ritocco interessante. Il più importante, il primo, il Club qualificato salta la gara dei 16’, per approdare direttamente agli 8’. Saranno un buon banco di prova anche gli altri due avversari che Spalletti e i suoi dovranno affrontare.

I primi, i russi​ dello Spartak Mosca, trasferta al solito insidiosa quella della capitale russa. Il ricordo della triste storia di Pasquale D’Angelo, capo ultrà della Curva B napoletana che morì proprio a Mosca il​ 22 Marzo del 2015. Storie che si intrecciano, sarà un ritorno al passato anche per Luciano Spalletti, che proprio a Mosca vinse il titolo del campionato.

Con i polacchi del Legia Varsavia, gemellati con i non colorati piemontesi, c’è stato un precedente, dove purtroppo siamo costretti a ricordarci. Non solo lo splendido gol ​ del rinnegato Higuian, che stese definitivamente ogni velleità di rivalsa polacca.

Quella di Higuain fu una rete fantastica, ci furono purtroppo anche risse e tafferugli causate dalla tifoseria del Varsavia. Azioni che ancora oggi a distanza di più di 6 anni si stenta a comprenderne i motivi. Il Napoli ha tra il suo palmares la vittoria di una Coppa UEFA, ottenuta nell’era Maradona, vinta nel lontano 1988-1989.

La 18ª edizione, dell’omonima competizione organizzato dall’UEFA, terminò con la vittoria azzurra il 17 maggio 1989 a Stoccarda. Il Napoli quindi ritorna a giocarsi il trofeo nell’anno in cui lo stadio azzurro è stato intitolato proprio all’immortale D10s. Sarà un caso l’ennesimo sorteggio UEFA da brividi, sarà scaramanzia tutta partenopea, ma perché non crederci?


Di Fiore Marro


Inviato da Libero Mail per Android

© Riproduzione riservata

LEGGI ANCHE

- Advertisement -spot_img