16.1 C
Napoli
domenica, Maggio 26, 2024

TANIA CUCCURESE – NICOLA PERRINO: Ricominciamo da qui.

Tania Cuccurese con la sua lista “Afragola al centro” ha ufficializzato l’adesione all’Area moderata di Nicola Perrino

Tania Cuccurese con la sua lista “Afragola al centro” ha ufficializzato l’adesione all’Area moderata di Nicola Perrino. La scelta, dettata da una serie di affinità tra i due soggetti politici, prende spunto dall’esperienza maturata in consiglio comunale, dalla provenienza politica di entrambi dall’area moderata, dal medesimo stile e linguaggio politico garbato e  ricco di una profonda conoscenza della materia amministrativa.

Nicola Perrino scende in campo dopo tre anni spinto dalla necessità di difendere, oggi più che mai, il centro moderato afragolese, al fine di restituirgli l’autonomia, il vigore e l’autorevolezza che merita nei processi che incidono sulla macchina amministrativa comunale.

La sfida è ambiziosa perché si pone in antitesi con quello  che si vive ad Afragola da diversi mesi a questa parte, visto che intende aggregare una coalizione di uomini e donne che antepongono la politica delle idee alla “somma dei numeri” quale unica operazione dominante, a quanto pare, sugli attuali tavoli, alcuni finanche precostituiti sulla figura del candidato sindaco. Candidatura che per l’area moderata sarà “realmente” frutto di una sintesi partecipativa di tutte le forze politiche della coalizione dell’Area moderata.  

Storico esponente dell’Unione di Centro ad Afragola, Nicola Perrino guarda avanti, andando oltre gli schemi preconfezionati. Tania Cuccurese e la sua Afragola al centro non avranno difficoltà ad integrarsi e a ragionare insieme per costruire un percorso politico fieramente identitario per tutte le forze politiche che intenderanno aggregarsi.

Tre anni di Pit-stop francamente hanno dato ragione a Nicola Perrino nello scegliere di non essere della partita atteso l’esito e prima ancora le modalità di gioco perseguite dall’Amministrazione Grillo. Di contro, pur riconoscendo al centro sinistra il grande merito di essersi fatto promotore della sfiducia alla precedente amministrazione, non si possono non considerare le faide interne ivi consumate che hanno consentito finanche al centrodestra di ricomporsi, presentandosi coeso e compatto a sostegno di Antonio Pannone.

Tenuto conto che, ad oggi, il candidato papabile dell’opposto schieramento è Tuccillo si ripropongono medesime dinamiche e schemi già visti e giudicati dalla comunità. Rebus sic stantibus, è chiaro che viene naturale immaginare la imminente competizione elettorale quale appuntamento politico imperdibile per restituire pari dignità a tutte le forze politiche liberandole dal condizionamento e dal dualismo dei poteri forti. Missione e scopo che solo il centro moderato può portare a termine.

Nicola Perrino: L’adesione di Tania Cuccurese all’Area politica che da qualche tempo avevo messo in campo rafforza  un principio che è bene difendere: la vittoria elettorale di per sè non serve e l’ultima esperienza amministrativa ne è la prova. Quello che serve ad Afragola è una vittoria politica, rimettere in campo il primato della politica. La semplice contabilità politica non ci interessa, saremo tra la gente, nelle loro case, nei luoghi di lavoro, per strada. Faremo questo nel segno di chi ha il coraggio di anteporre la forza delle idee ai numeri e l’esperienza Grillo è stata la prova inconfutabile di questo limite.

Tania Cuccurese: Stiamo cercando di mettere in campo un’azione che servirà a rivitalizzare e a restituire dignità alla politica afragolese, affinchè i cittadini e non esasperati personalismi siano i reali protagonisti del cambiamento che si intende attuare.

Siamo consapevoli che imprescindibile prerogativa per il corretto funzionamento della macchina amministrativa comunale è il riconoscimento di pari dignità a tutti i consiglieri eletti e il necessario coinvolgimento e partecipazione degli stessi nelle proposte e nelle intraprese azioni di cambiamento.

Sarà necessario e meritevole di considerazione e rispetto il contributo di tutti gli eletti  affinchè il Consiglio comunale sappia riconoscere le battaglie di civiltà per la comunità e difenderle anche quando provengono dalla opposizione, anziché farle soccombere, schiacciate dalla forza dei numeri solo perché formulate dall’avversario politico.

Il termine opposizione è un termine che allontana i rappresentanti eletti nell’Assise civica dal vero obiettivo: “Afragola”.

Immagino invece maggioranza e minoranza, unite nel lavorare e nel ricercare le soluzioni migliori per garantire realmente il bene comune e il rilancio di Afragola.

Del resto, non è forse questo il compito che attende ogni consigliere comunale? Fare gli interessi della città non della propria parte politica, seppur nella vitale contrapposta dialettica politica che sempre, tuttavia, deve mostrarsi coesa di fronte all’obiettivo comune di operare per il meglio.

Nicola PerrinoHo rinunciato alla candidatura al Consiglio comunale alle elezioni del 2018, anche se non ho smesso di essere impegnato in politica, in attesa che si riaccendessero i motori della politica. Motori spenti da chi sa solo seminare macerie, e la cosa davvero singolare è che  in un modo o nell’altro riescono,direttamente o indirettamente, ad essere della partita.

Tania Cuccurese: Ogni competizione elettorale afragolese riesce nel miracolo di riproporre, sempre e comunque, anche chi ha già goduto del grandissimo privilegio di rappresentare le istituzioni e ha dimostrato di non meritare questo privilegio. L’Area moderata cercherà di rappresentare la terza via per coinvolgere e non precludere la possibilità di partecipazione e di scelta di uomini e idee che vorranno e sapranno  fare la differenza.

Auspichiamo ad una vittoria politica prima ancora che elettorale per rivitalizzare la politica di Afragola e rilanciare l’economia cittadina. La nostra priorità è Afragola e sarà, per noi, essa soltanto il nostro obiettivo, l’unica protagonista. Da qui è nata la scelta di chiamare la lista “Afragola al centro” perché null’altro conta!

Continuare a proporre questa tattica di poli contrapposti, sempre con l’ausilio delle federazioni napoletane dei partiti, costringendo qualcuno a chinare il capo o  ritornare a Canossa senza nemmeno cospargersi il capo di cenere, rappresenta quello contro cui combattere e possibilmente vincere.

Avevamo annunciato più volte che mancava all’appello una parte della politica di Afragola, oggi che l’Area moderata scende in campo di definisce il quadro completo o quasi di alleanze. Soprattutto entra in campo con un binomio Tanta Cuccurese e Nicola Perrino che, di cose ne avranno da proporre, soprattutto mettere in campo: esperienza, capacità e competenza soprattutto equilibrio e partecipazione. Credo siano ingredienti sani di una politica che guarda ad Afragola, non ai numeri.

di gianni bianco

Tania Cuccurese con la sua lista “Afragola al centro” ha ufficializzato l’adesione all’Area moderata di Nicola Perrino. La scelta, dettata da una serie di affinità tra i due soggetti politici, prende spunto dall’esperienza maturata in consiglio comunale, dalla provenienza politica di entrambi dall’area moderata, dal medesimo stile e linguaggio politico garbato e  ricco di una profonda conoscenza della materia amministrativa.

Nicola Perrino scende in campo dopo tre anni spinto dalla necessità di difendere, oggi più che mai, il centro moderato afragolese, al fine di restituirgli l’autonomia, il vigore e l’autorevolezza che merita nei processi che incidono sulla macchina amministrativa comunale.

La sfida è ambiziosa perché si pone in antitesi con quello  che si vive ad Afragola da diversi mesi a questa parte, visto che intende aggregare una coalizione di uomini e donne che antepongono la politica delle idee alla “somma dei numeri” quale unica operazione dominante, a quanto pare, sugli attuali tavoli, alcuni finanche precostituiti sulla figura del candidato sindaco. Candidatura che per l’area moderata sarà “realmente” frutto di una sintesi partecipativa di tutte le forze politiche della coalizione dell’Area moderata.  

Storico esponente dell’Unione di Centro ad Afragola, Nicola Perrino guarda avanti, andando oltre gli schemi preconfezionati. Tania Cuccurese e la sua Afragola al centro non avranno difficoltà ad integrarsi e a ragionare insieme per costruire un percorso politico fieramente identitario per tutte le forze politiche che intenderanno aggregarsi.

Tre anni di Pit-stop francamente hanno dato ragione a Nicola Perrino nello scegliere di non essere della partita atteso l’esito e prima ancora le modalità di gioco perseguite dall’Amministrazione Grillo. Di contro, pur riconoscendo al centro sinistra il grande merito di essersi fatto promotore della sfiducia alla precedente amministrazione, non si possono non considerare le faide interne ivi consumate che hanno consentito finanche al centrodestra di ricomporsi, presentandosi coeso e compatto a sostegno di Antonio Pannone.

Tenuto conto che, ad oggi, il candidato papabile dell’opposto schieramento è Tuccillo si ripropongono medesime dinamiche e schemi già visti e giudicati dalla comunità. Rebus sic stantibus, è chiaro che viene naturale immaginare la imminente competizione elettorale quale appuntamento politico imperdibile per restituire pari dignità a tutte le forze politiche liberandole dal condizionamento e dal dualismo dei poteri forti. Missione e scopo che solo il centro moderato può portare a termine.

Nicola Perrino: L’adesione di Tania Cuccurese all’Area politica che da qualche tempo avevo messo in campo rafforza  un principio che è bene difendere: la vittoria elettorale di per sè non serve e l’ultima esperienza amministrativa ne è la prova. Quello che serve ad Afragola è una vittoria politica, rimettere in campo il primato della politica. La semplice contabilità politica non ci interessa, saremo tra la gente, nelle loro case, nei luoghi di lavoro, per strada. Faremo questo nel segno di chi ha il coraggio di anteporre la forza delle idee ai numeri e l’esperienza Grillo è stata la prova inconfutabile di questo limite.

Tania Cuccurese: Stiamo cercando di mettere in campo un’azione che servirà a rivitalizzare e a restituire dignità alla politica afragolese, affinchè i cittadini e non esasperati personalismi siano i reali protagonisti del cambiamento che si intende attuare.

Siamo consapevoli che imprescindibile prerogativa per il corretto funzionamento della macchina amministrativa comunale è il riconoscimento di pari dignità a tutti i consiglieri eletti e il necessario coinvolgimento e partecipazione degli stessi nelle proposte e nelle intraprese azioni di cambiamento.

Sarà necessario e meritevole di considerazione e rispetto il contributo di tutti gli eletti  affinchè il Consiglio comunale sappia riconoscere le battaglie di civiltà per la comunità e difenderle anche quando provengono dalla opposizione, anziché farle soccombere, schiacciate dalla forza dei numeri solo perché formulate dall’avversario politico.

Il termine opposizione è un termine che allontana i rappresentanti eletti nell’Assise civica dal vero obiettivo: “Afragola”.

Immagino invece maggioranza e minoranza, unite nel lavorare e nel ricercare le soluzioni migliori per garantire realmente il bene comune e il rilancio di Afragola.

Del resto, non è forse questo il compito che attende ogni consigliere comunale? Fare gli interessi della città non della propria parte politica, seppur nella vitale contrapposta dialettica politica che sempre, tuttavia, deve mostrarsi coesa di fronte all’obiettivo comune di operare per il meglio.

Nicola PerrinoHo rinunciato alla candidatura al Consiglio comunale alle elezioni del 2018, anche se non ho smesso di essere impegnato in politica, in attesa che si riaccendessero i motori della politica. Motori spenti da chi sa solo seminare macerie, e la cosa davvero singolare è che  in un modo o nell’altro riescono,direttamente o indirettamente, ad essere della partita.

Tania Cuccurese: Ogni competizione elettorale afragolese riesce nel miracolo di riproporre, sempre e comunque, anche chi ha già goduto del grandissimo privilegio di rappresentare le istituzioni e ha dimostrato di non meritare questo privilegio. L’Area moderata cercherà di rappresentare la terza via per coinvolgere e non precludere la possibilità di partecipazione e di scelta di uomini e idee che vorranno e sapranno  fare la differenza.

Auspichiamo ad una vittoria politica prima ancora che elettorale per rivitalizzare la politica di Afragola e rilanciare l’economia cittadina. La nostra priorità è Afragola e sarà, per noi, essa soltanto il nostro obiettivo, l’unica protagonista. Da qui è nata la scelta di chiamare la lista “Afragola al centro” perché null’altro conta!

Continuare a proporre questa tattica di poli contrapposti, sempre con l’ausilio delle federazioni napoletane dei partiti, costringendo qualcuno a chinare il capo o  ritornare a Canossa senza nemmeno cospargersi il capo di cenere, rappresenta quello contro cui combattere e possibilmente vincere.

Avevamo annunciato più volte che mancava all’appello una parte della politica di Afragola, oggi che l’Area moderata scende in campo di definisce il quadro completo o quasi di alleanze. Soprattutto entra in campo con un binomio Tanta Cuccurese e Nicola Perrino che, di cose ne avranno da proporre, soprattutto mettere in campo: esperienza, capacità e competenza soprattutto equilibrio e partecipazione. Credo siano ingredienti sani di una politica che guarda ad Afragola, non ai numeri.

di gianni bianco

© Riproduzione riservata

LEGGI ANCHE

- Advertisement -spot_img