23 C
Napoli
mercoledì, Maggio 29, 2024

GIUSEPPE DE SILVA – “Ciente Carezze e Mille Vase”

Giuseppe De Silva, giornalista e scrittore, in occasione del primo evento de "La Fiera della Cultura - Letteratura, Territorio, Comunicare, Legalità e Sicurezza", stasera alle ore 18,00, presenterà, in Villa comunale a Casoria il suo nuovo lavoro "Ciente Carezze e Mille Vase.

Giuseppe De Silva, giornalista e scrittore, in occasione del primo evento de “La Fiera della CulturaLetteratura, Territorio, Comunicare, Legalità e Sicurezza“, stasera alle ore 18,00, presenterà, in Villa comunale a Casoria il suo nuovo lavoro “Ciente Carezze e Mille Vase“. Testo ricco di poesie, racconti e aneddoti sulla vita di Diego Armando Maradona, le sue gesta, il suo mito, il ricordo indelebile.

Insieme a Giuseppe De Silva parteciperanno al dibattito il sindaco di Casoria Raffaele Bene; il dott. Mimmo Falco Presidente Corecom Campania; l’avv. Vincenzo Emilio del Club Napoli Tribunale; il dott. Ottavio Lucarelli presidente dell’Ordine dei giornalisti Campania e la dott.ssa Rosa Maria Testa giornalista di Weekymagazine. L’artista Luigi Calì realizzerà “Le panchine della memoria“, conduce la serata Peppe Varriale, giornalista di Radio Marte.

La rassegna culturale “La Fiera della legalità” prevede tre eventi: stasera 29 giugno il primo – altre tre date a luglio 1, 8 e 12. Le serate saranno caratterizzate da una serie di iniziative e dibattiti in Villa Comunale nella città di Casoria. Quella di stasera sarà l’occasione per ricordare e ascoltare le gesta del nostro Diego. Io ci sarò, come ero con tanti altri allo stadio in quegli anni ad ammirare Maradona, al vecchio San Paolo, oggi “Maradona Stadium” e in tutta Italia.

Sarà un remake di un film che abbiamo visto e rivisto tante volte e che non ci stancheremo mai riguardarlo. Dalla punizione che Maradona segnò contro la Juve, impossibile da realizzare e che novantamila tifosi vissero sotto un diluvio. La prima volta che battemmo la “Signora” nell’era Maradona, una delle tante volte in quegli anni. Il giorno dello scudetto, quella domenica al San Paolo contro la Fiorentina, gli abbracci, il coro infinito di “O’ surdate nnammurat’.

La vittoria in Coppa Uefa, il ricordo del Mondiale dell’86 in Messico e quel coal, il più bello di tutti i tempi allo Stadio Azteca. L’appuntamento è in Villa Comunale alle ore 18,00 e non mancate. Ah dimenticavo, l’invito è esteso anche ai tifosi avversari che vissero quelle gesta rosicando, senza esultare ma che di sicuro ammirando anche loro Diego Armando Maradona.

di gianni bianco

Giuseppe De Silva, giornalista e scrittore, in occasione del primo evento de “La Fiera della CulturaLetteratura, Territorio, Comunicare, Legalità e Sicurezza“, stasera alle ore 18,00, presenterà, in Villa comunale a Casoria il suo nuovo lavoro “Ciente Carezze e Mille Vase“. Testo ricco di poesie, racconti e aneddoti sulla vita di Diego Armando Maradona, le sue gesta, il suo mito, il ricordo indelebile.

Insieme a Giuseppe De Silva parteciperanno al dibattito il sindaco di Casoria Raffaele Bene; il dott. Mimmo Falco Presidente Corecom Campania; l’avv. Vincenzo Emilio del Club Napoli Tribunale; il dott. Ottavio Lucarelli presidente dell’Ordine dei giornalisti Campania e la dott.ssa Rosa Maria Testa giornalista di Weekymagazine. L’artista Luigi Calì realizzerà “Le panchine della memoria“, conduce la serata Peppe Varriale, giornalista di Radio Marte.

La rassegna culturale “La Fiera della legalità” prevede tre eventi: stasera 29 giugno il primo – altre tre date a luglio 1, 8 e 12. Le serate saranno caratterizzate da una serie di iniziative e dibattiti in Villa Comunale nella città di Casoria. Quella di stasera sarà l’occasione per ricordare e ascoltare le gesta del nostro Diego. Io ci sarò, come ero con tanti altri allo stadio in quegli anni ad ammirare Maradona, al vecchio San Paolo, oggi “Maradona Stadium” e in tutta Italia.

Sarà un remake di un film che abbiamo visto e rivisto tante volte e che non ci stancheremo mai riguardarlo. Dalla punizione che Maradona segnò contro la Juve, impossibile da realizzare e che novantamila tifosi vissero sotto un diluvio. La prima volta che battemmo la “Signora” nell’era Maradona, una delle tante volte in quegli anni. Il giorno dello scudetto, quella domenica al San Paolo contro la Fiorentina, gli abbracci, il coro infinito di “O’ surdate nnammurat’.

La vittoria in Coppa Uefa, il ricordo del Mondiale dell’86 in Messico e quel coal, il più bello di tutti i tempi allo Stadio Azteca. L’appuntamento è in Villa Comunale alle ore 18,00 e non mancate. Ah dimenticavo, l’invito è esteso anche ai tifosi avversari che vissero quelle gesta rosicando, senza esultare ma che di sicuro ammirando anche loro Diego Armando Maradona.

di gianni bianco

© Riproduzione riservata

LEGGI ANCHE

- Advertisement -spot_img